Puntualità: come entrare nel club dei puntuali?


Puntualità, molti riconoscono che è importante, ma fanno fatica ad arrivare in orario. E tu? Quante volte ti ritrovi a rincorrere gli impegni per tutta la giornata? Scadenze al lavoro, la spesa da fare, i figli da accompagnare a scuola, a nuoto, a danza, oppure i compiti da finire, la relazione da completare, la lavatrice, i panni da stirare e i parenti da andar a trovare. E per finire: “Ieri ho saputo che un mio amico ha fatto un incidente, nulla di grave, ma sta all’ospedale e non so proprio quando andarlo a trovare, ma doveva farsi male proprio ora?” Come se ci fosse un tempo buono per farsi male, che ne dici?

Puntualità: riduce lo stress

Proprio così, arrivare agli appuntamenti o completare un lavoro in anticipo sui tempi riduce ansia e stress. Ci permette, nel caso di un appuntamento, di fare mente locale su come agire e ambientarci. Invece, nel caso di un lavoro, possiamo avere del tempo per una controllo più approfondito, oppure per una ulteriore rifinitura.

Puntualità: trasmette competenza

Che centra la puntualità con la competenza? Essere puntuali fa vedere agli altri che si ha il controllo della propria vita e non viceversa. Avevo un amico, estremamente organizzato e preciso, che per arrivare ad un appuntamento in orario, teneva conto del traffico e anche di un’eventuale foratura di un pneumatico. Io rimasi colpito e pensai “questo non sta bene. La foratura di una gomma è un imprevisto di scarsa probabilità, perché tenerne conto?”

Essendo puntuale fai vedere che hai il controllo della tua vita e non viceversa.

Per farla breve, questo mio amico era sempre calmo e tranquillo, mai stressato, e faceva un sacco di cose, tutte con calma. Aveva in mano la sua vita e riusciva a gestirla al meglio. Questo suo modo di agire recava benefici anche alle persone che lo circondavano, i suoi familiari, i suoi amici e i suoi colleghi di lavoro. Attenzione, non ha mai fatto pesare il suo essere organizzato e il suo destinare ad ogni attività del tempo preciso, spaziando nel modo opportuno i diversi impegni della giornata. Era talmente preciso e organizzato che si rendeva conto che era circondato da molte persone che non lo sono e ne teneva conto.

La persona puntuale trasmette fiducia e rispetto. Le persone apprezzano chi arriva puntuale perché mostra rispetto per il tempo altrui. Chi rispetta una scadenza di lavoro guadagna fiducia e con il tempo questo potrà significare un passo avanti a livello di carriera.

Cosa posso fare per essere puntuale?

Pianifica le attività. Sei sempre in ritardo? Hai troppe cose da fare? Ti mostri desideroso di renderti disponibile, ma alla fine non riesci a mantenere la parola data? Tieni un elenco delle cose da fare e spazia ogni attività da una quantità di tempo che tenga conto, per esempio, del traffico, di un imprevisto, del fatto che forse devi prendere un caffè o magari – dico magari – andare in bagno. Sei un robot? Non credo, e allora non programmare la giornata come se lo fossi e come se nulla potesse andare storto.

Per essere puntuale è importante saper intervallare bene i diversi appuntamenti della giornata.

Riconosci i tuoi limiti, delega. Non prendere più impegni di quelli che riesci a portare a termine. Impara a distinguere le cose importanti dalle cose urgenti e fa in modo che le cose importanti non divengano urgenti, altrimenti non avrai più spazio per le urgenze. Ti faccio un esempio. È importante fare una revisione alla macchina ogni 20000 Km, mentre è urgente riparare una gomma quando si fora. Fare la revisione, anche se importante, può essere un impegno che possiamo programmare senza urgenza, ma se lo trascuriamo, i chilometri passano e potrei avere una rottura bloccante della macchina, forse a 30000 Km, che mi trasforma il lavoro importante della revisione in un lavoro di riparazione e revisione importante, urgente e costoso. Si poteva evitare, non è vero? Evitiamolo!

Sfrutta i tempi morti. Ti ritrovi in anticipo ad un appuntamento e la controparte è in ritardo? Capita, e capiterà. Non serve a nulla contrariarsi. Sfrutta il tempo, magari puoi fare quella telefonata che avevi in mente, oppure puoi leggere, oppure puoi riprogrammare il resto della giornata.

Per concludere, puntuale in due punti

In questo articolo ho cercato di fornire delle motivazioni e delle spiegazioni sull’importanza della puntualità, ma alla fine come essere puntuale in due punti? Comincia con:

  • Scrivi in un taccuino l’elenco delle cose da fare, ti aiuterà a non dimenticare di fare qualcosa e a non prendere più impegni di quelli che sei in grado di portare a termine.
  • Spazia i diversi appuntamenti tenendo conto degli eventuali imprevisti.

Vuoi di più?

Che ne dici di un metodo per riorganizzare il modo di fare le cose? C’è un famoso autore, David Allen, che ha formulato un sistema per fare più cose, farle meglio e con più efficienza. Il suo libro, disponibile in italiano e che fa parte della mia raccolta di libri è: Detto, fatto! L’arte di fare bene le cose: Il metodo GTD – Getting Things Done® – che ha cambiato la vita e il modo di lavorare di milioni di persone in tutto il mondo

Detto, Fatto. Il metodo GTD di David Allen.

Che ne pensi?